Opzioni Binarie Truffe

Commercailizzare Opzioni Binarie con un broker di opzioni non regolamentato è fondamentalmente un gioco d’azzardo. Ulteriori informazioni su broker autorizzati e regolamentati qui.

Consob e TruffaMolti broker di opzioni binarie non sono regolamentati, e molti broker hanno sede in paradisi fiscali o luoghi come Gibilterra, Isola di Man, Bermuda o Isole Vergini Britanniche. Questo fa sì che molte persone siano convinte che tutte le opzioni binarie sono truffa. La verità è che non tutti i broker sono truffa. Andare con un broker regolamentato è una decisione intelligente!

Gli operatori italiani hanno molti broker non truffatori di opzioni binarie tra cui scegliere.

I migliori sono AnyOption, TopOption24OptionBanc De Binary, OptionFair, OptionWeb, & BD Swiss. Essi sono sicuramente non truffa poiché hanno  licenze e sono regolamentati dalla CySEC a Cipro, un’autorità di regolamentazione finanziaria della UE nel quadro dell’accordo MiFID. Sono tutti registrati con il regolatore finanziario Italiano CONSOB.

Conti Demo – La maggior parte dei broker non offrono conti demo gratuiti per i permettere ai trader di testare la loro piattaforma. I broker preferiscono concentrarsi sui clienti esistenti piuttosto che trascorrere del tempo con un trader poco serio. Ci sono due broker offrono conti demo gratuiti, vedi AnyOption e Banc De Binary.

Puoi leggere recensioni affidabili su truffe con opzioni binarie in inglese su Scam Broker. Scrivi le tue domande a: [email protected]

Recentemente, la Cyprus Securities and Exchange Commission ha deciso di includere le opzioni binarie nella lista degli strumenti finanziari che sono di competenza degli Investment Services and Activities e delle leggi sui mercati regolamentati. Potete trovare l’elenco completo delle imprese di investimento qui.

Ecco una citazione da un sito web di un broker in Opzioni Binarie.

Come molti altri strumenti che prendono il loro valore sulla base del valore di un’attività sottostante, le opzioni binarie non hanno alcuna borsa centralizzata in cui sono scambiati. I brokers vendono contratti direttamente agli acquirenti senza coinvolgimento di terzi, caratteristica conosciuta nel mondo finanziario come over-the-counter trading. Dal momento che le opzioni binarie sono negoziate quasi esclusivamente su Internet, questo permette agli intermediari di stabilirsi in aree con regolamenti finanziari favorevoli. Molti broker, per esempio, sono basati a Cipro che ha una bassa pressione fiscale. Oltre alle politiche fiscali locali, c’è poco regolazione per il trading di opzioni binarie. La loro piattaforma over-the-counter e varie località di intermediazione concorrono insieme contro l’attuazione di tutti i regolamenti reali.

E’ importante che chiunque pensi al trading di opzioni binarie faccia una delle ricerche prima di dare a un broker i propri soldi. Semplicemente facendo una ricerca e leggendo  le recensioni su un determinato broker, un operatore può ottenere garanzie che il suo  denaro venga tenuto in modo sicuro e responsabile.

Questo broker ti sta dicendo di non aprire un conto con una società di ntermediazione di opzioni binarie, a meno che tu non abbia verificato che essi hanno una buona reputazione.

Due questioni che costantemente si pongono con i broker di opzioni binarie sono:

  • Ti consentono di prelevare I tuoi profitti?
  • Le loro quotazioni sono corrette?

Ad esempio, se stai piazzando una scommessa su EUR / USD. Quale prezzo stanno citando? E’ lo stesso prezzo che vedi sul CME Globex, il IdealPro, FXCM? Ogni intermediario presenta i propri prezzi. Quando si fa trading di opzioni binarie su un magazzino. Il broker sta utilizzando i propri dati? Stanno prendendo quotazioni dal NYSE, NYMEX e gli scambi elettronici o dal loro sistema interno.

Durante la lettura di recensioni, è importante sapere che ha scritto la recensione. Faresti meglio a parlare con amici che hanno un conto reale con quel broker ed hanno avuto esperienza di trading con denaro reale con loro prima di decidere se aprire un conto.

Il 28 Marzo 2012 CONSOB ha scritto ai suoi investitori:

Si sono diffuse nel mercato operazioni (“opzioni binarie” o “opzioni digitali”) che presentano una struttura simile a quella di una scommessa in quanto assicurano il pagamento di un importo predeterminato se l’evento (raggiungimento di un determinato livello di prezzo del titolo, indice o altro sottostante) si verifica, prima o entro una determinata scadenza temporale; nel caso in cui l’evento non si verifichi, l’”acquirente” l’opzione subisce la perdita di tutta la somma investita.

Al riguardo, in data 28 marzo 2012 i Servizi della Commissione Europea, in risposta a specifico quesito circa la natura delle opzioni binarie, hanno chiarito che le stesse (1), “quali contratti derivati regolati in contanti, appaiono riconducibili alla definizione di strumenti finanziari. Di conseguenza, le società che offrono servizi e attività di investimento in opzioni binarie dovrebbero essere autorizzate come imprese di investimento [ovvero banche] ai sensi della MiFID”.

Come indicato dai Servizi della Commissione Europea, le opzioni binarie, contratti derivati regolati in contanti, rientrano nel novero degli strumenti finanziari di cui all’Allegato 1, sez. C della direttiva 2004/39/Ce (“MiFID”): di conseguenza, tutti i soggetti che intendono prestare servizi di investimento aventi ad oggetto opzioni binarie verso il pubblico (italiano) devono essere dotati della necessaria autorizzazione rilasciata dalle competenti Autorità.

Condividi le Opzioni Binarie...
Share on LinkedInShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter